news-dfood-martesana-sitoweb

Martesana con Dfood per il Salone del Mobile

Martesana Milano ha aderito al progetto Dfood, nato per creare, nell’ambito del Salone del Mobile, il primo distretto del food design nella zona di Via Paolo Sarpi 

Per tutti gli appassionati di food e pasticceria, in occasione del Salone del Mobile, proporremo alcuni eventi.

• Design your skyline
Venerdi 12 aprile i bambini potranno diventare “pastry designer” realizzando il proprio grattacielo preferito in pasta di zucchero, con la guida del Maestro Vincenzo Santoro e del nostro pasticcere Jacopo Zorzi.
Via Paolo Sarpi 62 ore 17.00 – 18.00

• Uova di Pasqua di design
Sabato 13 aprile Martesana Milano ti farà assistere ad un inedito show cooking. Il nostro pasticcere Jacopo Zorzi creerà di fronte a tutti gli appassionati deliziose uova di cioccolato. Uno spettacolo di passione, precisione e creatività!
Via Paolo Sarpi 62 ore 15.00 – 16.00

• Cocktail night
Venerdi 12 e Sabato 13 aprile, lo shop di Via Sarpi 62 resterà aperto fino alle 24.00 con fantasiosi cocktail studiati per l’occasione.

Martesana Milano - Dgusto Salone del Mobile

Dgusto: l’alta pasticceria diventa ambassador del design italiano e internazionale

A Milano durante il Fuori Salone nasce Dgusto, la prima mostra-evento di pastry design realizzata dallo Studio Buzzo Lambertoni Design assieme a Pasticceria Martesana MILANO.

Evento inaugurale e mostra temporanea si terranno tra il 12 e il 22 aprile nelle tre sedi di Pasticceria Martesana MILANO.

• • •

Come nasce Dgusto, prima edizione

9 marzo 2018 – Dgusto è un’iniziativa della coppia di progettisti Francesco Buzzo e Serena Lambertoni che, insieme alla rinomata Pasticceria Martesana, si ripropone di coniugare due mondi compatibili, pasticceria e design, in una produzione speciale e unica.
Ai designer* è stato chiesto il disegno di un dolce (fresco, pralina o biscotto), senza dare troppe specifiche e senza modulare una ricetta. Questo percorso di ricerca svela i molteplici modi di intendere la pasticceria e che le voglie, i capricci di gola, i ricordi di infanzia e i paesi di origine di ogni protagonista sono determinanti nel dare un progetto e una fisicità a un pasticcino che ancora non esiste. Consistenze, dimensioni, forme, colori e nessuna sovrapposizione di idee testimoniano che anche un non prodotto, dalla natura così breve e transitoria, si presta molto alla speculazione creativa di queste menti. Apriamo quindi uno scenario che lambisce i confini del design del prodotto da un lato e del ben più tecnico food design dall’altro, una microarea del progettabile che, a differenza delle altre e per sua intima natura, ha pochi vincoli e poche regole, ma ha la grande caratteristica di avere una natura dicotomica poiché nasce sempre da quattro mani, due del designer e due del pasticciere.
Dal 17 al 22 Aprile 2018, in occasione del FuoriSalone, presso le tre sedi della Pasticceria Martesana saranno esposti i dolci e pasticcini nati da questa collaborazione. Durante l’evento inaugurale, su invito o prenotazione, sarà possibile visionare i frutti di questa iniziativa ed assaggiarne alcuni. Si rimanda ai prossimi comunicati stampa per ulteriori e nuove informazioni.

La Creatività

Ai nostri designer è stato chiesto di procedere con il disegno di un dolce a loro scelta. Abbiamo spiegato che la pasticceria è specializzata in dolci freschi, praline di cioccolato e cialde o biscotti, ignorando la ricetta.
A questo Brief hanno risposto lasciandosi ispirare dalle proprie preferenze e dai loro gusti. Molti designer hanno lavorato con ironia e spirito conviviale sul transfer concettuale, altri sull’ introdurre nuove gestualità, altri ancora hanno ideato nuovi paradigmi.
Antonella Andriani rievoca passaggi fondamentali del design con dei pezzi iconici; Tomoko Azumi riprende figure di geometria solida; Paolo Barichella innova la tradizione Milanese ridisegnando un dolce tipico; Andrea Dichiara riprende uno strumento culinario giapponese con un dolce rappresentativo; Lorenzo Gecchelin stravolge il concetto di “caffè sospeso” trasferendolo al dolce; Diego Grandi abbina due praline in gemme colorate; Denis Guidone fonde texture giapponesi su dolci preziosi; Gum Design reinventa la cialda come vassoio; Setsu & Shinobu Ito trasformano motivi ricorrenti del Giappone in dolcetti caratteristici; Kanz Architetti innova il biscotto da caffè; Kazuyo Komoda parte dal ciliegio in fiore giapponese per produrre un grazioso dolce di frutta e caramello; Marta Laudani rievoca fiabe d’infanzia con i tappeti Aladino; Eliana Lorena incastona gemme di frutta secca in medaglioni di cioccolato; Hitoshi Makino arreda un soggiorno in torte fresche e gelatine; Ilaria Marcello ricrea onde e seni con le morbide pieghe di cacao e farciture; Shiina + Nardi Design riprendono le icone del web su cioccolatini colorati; Hiroshi Ono fa ironia sul “salotto da te” con un salottino di torta e cialda; Matteo Ragni estende alla pralineria le sue famose macchinine; Roberto Sironi ricrea la pralina rendendola un piccolo monolite.