Alessandro Comaschi ottiene il secondo posto al concorso The Star of Sugar

Rimini, venerdì 16 gennaio.

Alessandro Comaschi, classe ’83, vince il secondo posto a “ the star of sugar“, concorso internazionale dello zucchero che si e’ svolto presso il SIGEP di Rimini. Il concorso, di cadenza biennale, ha richiamato 14 pasticceri provenienti da tutto il mondo a cimentarsi con creatività e rigore operativo nella fantastica arte dello zucchero.‎ Tema del concorso e’ stato uno degli status symbol che ha fatto grande il made in Italy: FERRARI: uomo, macchina e mito.

Il giovane Alessandro, decoratore e fantasista di Pasticceria Martesana, ha voluto per prima cosa rappresentare la Ferrari nella sua potenza e velocità e per rendere il concetto ha quasi staccato la pice dalla base d’appoggio. Altri simboli rappresentati nella sua opera sono: il cavallino rampante in cima, poi la simpatica figura di una elegante ‘”ombrellina”, la caricatura e il casco del campione pluripremiato Michael Schumacher, un pneumatico della Michelin e vari pezzi di motore e carrozzeria. Il tutto nei classici colori del rosso, del giallo e del nero.

Il regolamento impone che l’opera artistica sia alta non più di cm 110 e che sia composta esclusivamente di zucchero caramello o isomalto tirato, colato, soffiato, pressato. Una giuria internazionale ha valutato le creazioni artistiche ‎seguendo tali criteri: pulizia del lavoro, equilibrio cromatico, spessore zucchero tirato, brillantezza dei colori, difficoltà di esecuzione, attinenza al tema.

Alessandro Comaschi, fratello di Davide, vince il secondo posto, facendo valere l’impegno, la passione e la serietà che usa ogni giorno per il suo lavoro.

Martesana Milano (via Cagliero 14) è una pasticceria artigianale nata nel 1966. Da sempre punto di riferimento per i golosi milanesi, sostiene la formazione continua di tutto il suo personale, compresi gli stagisti che si preparano al mondo del lavoro, e questo gli permette di avere uno staff motivato a lavorare bene e alla crescita sia personale sia dell’azienda.

I commenti sono chiusi.